I Ribes Neri

Il Ribes Nero

(Ribes Nigrum)

 La Pianta del Ribes è un arbusto appartenente alla famiglia delle Saxifragaceae alto fino a 2 metri con fioritura in aprile-maggio, con piccoli fiori campanuli ermafroditi.

Il Frutto è una piccola bacca succosa dal gusto forte e caratteristico, ricchissima di acidi organici, di acido malico, ascorbico e tartarico, di caroteni, derivati fenolici, di Vitamina C e P simile e per questo utilissimo, fresco o trasformato in confettura, come corroborante. La vitamina Ccontenuta nella polpa del Ribes Nero in quantità fino a venti volte superiore agli agrumiè infatti molto stabile, non si disperde con il calore, né con la cottura, resistendo anche ai fenomeni di ossidazione.

Le Gemme si raccolgono freschissime durante la prima fase della potatura e presentano, oltre allo straordinario principio di crescita, contenuti di vitamine, flavonoidi, picnogenoli ed aminoacidi, in particolare Arginina con 5,7 mgr/g. Trasformate in gemmoderivato attraverso un lento processo di macerazione, hanno spiccata azione rivolta in particolare alle ghiandole surrenali, dove stimolano la corteccia al rilascio di sostanze che possiedono azione antinfiammatoria ed antiallergica, comportandosi come un cortisonico naturale senza averne però la tossicità. Ribes Nigrum ha inoltre comprovate proprietà immunostimolanti.

Indicazioni: grande antinfiammatorio sistemico, stimolante surrenalico ed immunitario, il Ribes Nigrum è principalmente utilizzato come drenante universale, ma in particolare per prevenire o inibire stati infiammatori e tutte le turbe allergiche. Combatte l’infiammazione sia che l’eziologia sia meccanica, chimica, immunologia o infettiva. La sua prescrizione trova pertanto indicazione nei casi di artrite, artrosi e tutte le forme di reumatismo infiammatorio, dermatiti e dermatosi, eczema, sindromi allergiche acute in genere, riniti, orticaria, sensibilizzazione ai farmaci, cefalea vasomotoria. Il gemmoderivato è inoltre un protettivo delle mucose ed uno stabilizzante delle membrane cellulari.

Informazioni ed indicazioni tratte dal Compendio di Gemmoterapia Clinica del dott. F. Pitterà e dal supplemento a L’Altra Medicina – anno 3° – marzo 2001. L’autoterapia senza una corretta diagnosi può risultare dannosa alla salute ed il consiglio di qualificati professionisti è sempre fondamentale.

Rispondi